Ritz-Carlton, Istanbul

L’Hammam e l’arte di fare il bagno

L’Hammam, ovvero l’arte del bagno turco è la cosa che mi è piaciuta di più della mia visita a Istanbul (by Dani)

“L’Islam ha sempre raccomandato la pulizia come uno dei doveri più importanti del musulmano. Per questo motivo molti hammam si trovano nelle immediate vicinanze delle moschee.”

Essendo a Istanbul, Fabio ed io non potevamo non fare quest’esperienza, così siamo andati all’hammam Suleymaniye (vicino alla medesima moschea, la più grande della città). Non è difficile arrivarci, partendo dallo Spice Market (il mercato delle spezie) si prende una strada in salita (piena di negozi). La strada dove si trova l’hammam è a destra subito prima della moschea. E’ anche possibile prenotare prima su questo sito: http://www.suleymaniyehamami.com/default.asp

Questo è uno dei pochi hammam dove gli uomini e le donne possono entrare insieme, nella maggior parte dei bagni turchi ciò non è permesso, ma questo che abbiamo scelto è considerato per turisti…tuttavia quando sei li non sembra affatto un posto turistico, l’atmosfera è autentica! Sono ammesse solo coppie o famiglie. Niente single. Costo: 35 euro

Dopo tanta salita e dopo aver sbagliato indirizzo (ci avevano indicato quello della moschea) siamo riusciti ad arrivare puntuali. Subito siamo stati accolti da un signore con abiti tipici, che ci ha detto di togliere le scarpe (queste vengono messe in un armadio vicino all’entrata) e ci ha portato al piano di sopra in una piccolissima stanza per cambiarsi. Agli uomini danno un grande asciugamano e alle donne (che non si portano il costume da bagno), un bikini di cotone e un asciugamano. Una volta scesi di sotto, ci ha dato degli zoccoletti in legno (difficoltosi per camminare) e ci ha accompagnato in un caldarium, un locale piuttosto ampio e con una parte centrale in marmo dove sedersi o sdraiarsi e diversi punti con piccoli lavandini sempre in marmo dove rinfrescarsi con acqua fresca ( sono disponibili piccole ciotole per la raccolta dell’acqua). Questa stanza in cui abbiamo aspettato per fare il bagno è abbastanza calda, quindi è consigliabile entrare con una bottiglietta d’acqua. Se non si sopporta il calore si può accedere ad un’altra adiacente e piú fresca (io ho dovuto farlo perchè non riuscivo a respirare e non avevo con me la bottiglia d’acqua). Dopo una quindicina di minuti siamo stati chiamati da due signori che ci hanno portato in uno dei tre locali nei quali viene fatto il bagno turco che ricordiamo è un bagno che ti viene letteralmente “dato”. Dopo la domanda, “strong or not?”…of course not for me!🙂 …ci hanno fatto sedere e ci hanno buttato dell’acqua fredda! Devo dire che la sensazione è buona perché dentro faceva molto caldo!!  Prima ci hanno fatto il peeling, sfregandoci energicamente sul corpo un guanto-spugna, quindi con un altro guanto-spugna più morbido e con del sapone ci hanno lavato (braccia e gambe). Successivamente hanno usato una specie di federa in spugna per metterci piú sapone sul corpo (dato che faceva molto caldo per il mio livello di sopportazione, l’addetto al mio lavaggio mi chiedeva spesso se stessi bene e mi versava acqua fresca sulla testa, una libidine). Una volta fatti sdraiare sul marmo ci hanno lavato schiena, gambe, addome e petto. Finita questa parte, ci hanno fatto mettere seduti e ci hanno tolto tutto il sapone. Hanno chiesto anche se volessi lavare i cappelli, ho accettato (ma mi sono subito pentita perché non avevo portato con me il balsamo). Se non volete lavare i cappelli portate un cuffia oppure portate un balsamo da usare alla fine del trattamento.

Finito il bagno ci hanno fatti accomodare in un’altra piccola stanza dove sono stata bene perché faceva meno caldo. A questo punto ci hanno dato degli asciugamani asciutti, regalandoci, per concludere un piccolo massaggio!

Versão em português:

Eu e Fabio resolvemos experimentar o banho turco, ou melhor, o hamman. Escolhemos o endereço mais turístico da cidade, por ser o único que aceita a entrada de homens e mulheres juntos. Porém, só são aceitos casais ou famílias, e a apesar de ser turístico, não parece nem um pouco, a atmosfera é muito autêntica.

Fizemos a reserva no site: http://www.suleymaniyehamami.com/default.asp o valor é de 35 euros por pessoa, que deve ser pago em dinheiro (lembrando que a moeda oficial da Turquia é a lira). Fomos recebidos por um senhor vestindo roupas típicas, nesse ambiente com música turca, tapetes e belíssima decoração. Primeiro tivemos que tirar os sapatos, que ficaram dentro de um armário, depois esse senhor nos acompanhou até uma pequena cabine e deu um biquíni para mim e uma toalha para o Fabio. Deixamos as roupas nessa espécie de micro quarto e descemos. Já lá embaixo de novo, recebemos um tamanco de madeira para calçar e fomos levados até a sala onde acontece o hamman.

O ambiente todo feito de mármore na forma redonda, tem no meio uma grande bancada onde é possível sentar ou deitar para esperar a vez para o banho, que acontece em 3 salas separadas, mas com a entrada aberta. Em alguns cantos estão distribuídas pias com água fria, que você pode pegar com uma bacia e se refrescar.

Um conselho, leve uma garrafa de água para dentro dessa “sala de espera” e se você é como eu (não aguentei ficar lá dentro até chegar a minha vez do banho) fique na salinha de fora, que é menos quente.

Quando chegou a nossa vez, fomos convidados a entrar pelos dois senhores que nos dariam o banho. Primeiro nos sentamos perto de uma pia e eles nos jogaram água fria (bem suportável), em seguida, deu início ao peeling, usando uma espécie de bucha própria. Fabio pediu o banho forte e eu, claro, preferi o mais leve. Depois de esfregar pernas e braços, com uma espécie de fronha eles jogaram espuma no nosso corpo e usaram uma outra bucha para esfregar. Em seguida, nos pediram para deitar em uma “cama” de mármore e ali, jogaram espuma novamente e terminaram de dar o banho. Até mesmo o nosso rosto foi lavado e no final ele pergunta se você quer que lave a sua cabeça também ou não.

Depois de nos enxaguar, sempre usando a água fria jogada com a ajuda de uma bacia, eles nos levaram até uma outra salinha, nos indicaram um lugar para trocar de roupa. Tiramos aquela molhada e nos enrolamos em uma toalha limpa e seca. Feito isso, eles nos colocaram uma outra toalha nas costas, amarram uma outra na nossa cabeça e fizeram uma pequena massagem nas costas e na testa.

Adoramos!!! Eu mais que Fabio que achou que o forte era muito forte.

20130402_123703

Fabio dopo hammam

NB. All’interno dell’Hammam non è possibile fare foto, così vi dovrete accontentare di alcune foto prese da Internet😉

hammam

hammamhammam

hammam

Un pensiero su “L’Hammam e l’arte di fare il bagno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...